Saturday, 22 September 2012

Note from Chad/2

See here, to read the Article in English or to know about the translation of previous text.

 

I venditori di Etsy sono imprenditori 

Questo potrà suonare ovvio a chi sta leggendo, ma avere un negozio su Etsy è un affare serio che richiede serie competenze e abilità. Spesso, chi è al di fuori della community definisce i venditori di Etsy degli 'hobbysti'. Noi sappiamo che chiunque apra un negozio punta ad un’attività a tempo pieno. Lottiamo per rendere facile per chiunque iniziare su Etsy e scegliere il proprio livello d’impegno, che siano un paio di listing ogni tanto o la succursale di un negozio fisico con tanto di vendita all’ingrosso. Che etsy sia facilmente accessibile non significa che non richieda duro lavoro. Si percepisce ogni tanto un sentimento di rifiuto e addirittura di sessismo ed elitarismo in quella definizione 'hobbysti'. Più del 75% dei venditori su Etsy sono donne, e la storia di come la manifattura femminile sia sottovalutata ha radici antiche. Ma non serve scegliere se essere un artigiano o essere un imprenditore. Le barriere all’entrata per iniziare una propria micro-impresa si stanno abbattendo e Etsy deve evolvere per stare al passo. Questo significa costruire oggi gli strumenti di cui i nostri micro-imprenditori avranno bisogno domani. Abbiamo fatto progressi su spedizioni, pagamenti, buoni regalo e ads, ma abbiamo ancora altro in serbo. In particolare siamo felici di annunciarvi i nostri progetti per un nuovo settore di vendita all’ingrosso su Etsy


Operiamo attraverso il cambiamento 

Il mondo è cambiato molto dall’avvio di Etsy nel 2005, quando l’i-phone non esisteva ancora e Facebook era praticamente sconosciuto al di fuori dei campus universitari. Ora siamo nel bel mezzo di una rivoluzione, potenziata dalle tecnologie, che si estende a tutti gli aspetti del nostro modo di fare. Sta cambiando il modo di concepire cos’è fatto a mano. 

Macchine che ora fanno comunemente parte del nostro lavoro ,come la cara vecchia macchina da cucire, in passato potevano causare rivolte perché usate massivamente nelle industrie. Nel 1841 l’inventore di unadelle prime macchina da cucire, Barthélemy Thimonnier, vide distruggere la sua fabbrica dai sarti che temevano di perdere il loro future e la vitalità dei piccolo negozi.

Quella che sta iniziando ora è una rivoluzione molto diversa: ogni persona può creare qualcosa nella propria casa o nel proprio studio e si hanno a disposizione strumenti che non erano così accessibili fino a poco tempo fa. Questi nuovi sviluppi si chiamano “personal manufacturing,” “micro-manufacturing,” o “desktop manufacturing.” In altre parole le macchine da cucire che hanno portato alla lotta ora sono parte delle nostre case o dei nostri ambienti, insieme a tutti quegli strumenti che per secoli sono stati fondamentali per l’artigianato. Proprio per questo vogliamo costruire su Etsy un mondo in cui sia sempre possibile ripensare e ridefinire il ‘creare’.

(to be continued...)

1 comment:

Luthien Art said...

WOW la seconda parte è ancora meglio della prima!!!!
Parole sacrosante dalla prima all'ultima!!
Aspetto con ansia la terza!!
Grazie ancora Clode!!